Sommaire
Editoweb Magazine propose des commentaires d'actualité et de la littérature, des textes littéraires - sciences fiction, polar, littérature fantastique, ésotérisme - et des infos en temps réel.
Rss
pour y être
Italia
27/01/2020 - 21:53

Mastoplastica additiva Napoli aumento del seno

Articolo proposto da una nostra lettrice sulla Mastoplastica additiva a Napoli.



Mi chiamo Anna, e - devo ammetterlo - sono un 90 A... Visitatore, se sei un pervertito in cerca di foto di tette, allontanati. In ogni caso, farò in modo che sia un punto d'onore nascondere sempre il più possibile la parte interessante delle immagini...

 Quindi mi chiamo Anna, e sono "piatta". Non ho mai avuto un complesso, avevo un petto piccolo, ma sodo, rotondo, "che si adatta alla mano"... Poi ho avuto due figli e 4 anni e mezzo di allattamento al seno. E sono scomparsi, portati via non so dove... Non mi pento di nulla però, l'allattamento al seno è una delle cose più belle che ho fatto nella mia vita, è un rapporto meraviglioso che ho avuto con i miei figli... (E poi tutto sommato, considerando i risparmi di latte che ho fatto, ho quasi ammortizzato il prezzo dell'intervento!)

 

Ho anche anni di più, il mio grande ha 5 anni e mezzo, e la gravità sta prendendo di nuovo il sopravvento... Insomma, l'avrete capito, non mi piace più il mio seno.

Come mi è venuta l'idea della Mastoplastica additiva a Napoli ?

Sono sempre stata contraria a questo tipo di chirurgia plastica!!! Va detto che chi ne parlava nel mio entourage, erano le mie amiche di 20 anni che volevano solo "ancora più seni" ma già ben viziate dalla natura... Ho visto nell'aumento, una chirurgia per bimbe...

E poi, BAM, un giorno ho capito che non potevo più sopportare il mio petto vuoto. All'improvviso, non mi ci sono voluti anni per decidere. Ho smesso di allattare in aprile e in agosto ho chiamato il chirurgo. Il mio seno si stava deteriorando, ma speravo che tornasse dopo l'allattamento. Non è successo.

Quindi sì, nudo è brutto, ma posso nasconderlo quando sono vestito. Solo che nella scollatura, anche con il top imbottito, il top è vuoto, ci sono solo i lati. E quando mi piego in avanti, in bikini o in scollatura, si vedono i piccoli seni vuoti che pendono dal reggiseno che tradisce... Non mi sopporto nuda, né in bikini, non posso indossare vestiti troppo scollato, non posso scegliere i vestiti che voglio (un tubino, una camicetta, un maglione un po' stretto...). Al tatto sono vuote, solo pelle...

Non è insopportabile, ci sono cose peggiori nella vita... Sì, ma eccomi qui, voglio sistemare questo difetto che mi dà fastidio, mi dà fastidio, mi dà fastidio, mi dà fastidio, mi dà fastidio. E mi aiuterà senza dubbio ad avere più fiducia in me stessa, accettando la mia figura, potendo comprare i vestiti che voglio... per permettere a mio marito di vedermi nuda...

Ci siamo. La decisione è stata presa.
 

La scelta del chirurgo

 

Non ho guardato a lungo, mi è stato consigliato. Un amico molto equilibrato, molto premuroso, e che è stato molto soddisfatto dei risultati per un aumento con riparazione di una ptosi importante.

Abbiamo incontrato il medico (io e mio marito) e le cose sono andate molto bene. Ci fa sentire a nostro agio, non ci spinge a consumare, è divertente... Piccolo punto "divertente" parla al seno! Invece di guardarmi negli occhi, quando parla, guarda nei capezzoli!

 

Non ho preso troppi consigli su internet (se non per curiosità), perché vengo dal mondo della medicina e spesso vedo pessimi medici consigliati da molti pazienti... Conosco l'altra faccia della medaglia, mi dico che non ci si può mai fidare di opinioni molto soggettive, quindi mi accontenterei di quella del mio amico.

Mi opererò a un'ora di distanza da casa perché mi hanno sconsigliato i chirurghi locali, e anche se non prendo troppi consigli soggettivi, fa un po' freddo... E avendo avuto come paziente la moglie del chirurgo della città, l'ho trovata molto fredda e maleducata. Insomma, mi sento rassicurato ad andare un po' oltre.

L'ospedale è nuovo di zecca, è bellissimo, ti fa quasi venire voglia di farlo.

La dimensione e la forma che voglio

Poiché questo non è un progetto che sta maturando da anni, non mi sono mai informata sui diversi interventi chirurgici, né sulle protesi...

Ma quello che so è che voglio un effetto naturale. Anche se mi opereranno e avrò un sacco di dolori, un anestetico generale, un grosso buco nel mio conto in banca, mi dico che perché non renderlo un po' più "grande" di quanto mi aspettassi... Ma temo che mi ritroverò con qualcosa di troppo grande... Insomma, l'appuntamento per scegliere la mia taglia è fissato per il 15 novembre!

Per il momento immagino un 90C, come molti, credo!

Il primo appuntamento

Primo appuntamento il 4 ottobre, ottimo feeling con il chirurgo, come detto sopra.

Parlando con il mio seno, mi ha spiegato che il mio seno è "troppo alto" e il mio torso è molto muscoloso. Mi ha chiesto se ho fatto molto sport, ha insistito che dovevo stare molto attento che gli impianti non fossero troppo alti.

In realtà, ho un busto abbastanza maschile, lo chiamo "corpo da ginnasta". Pochi seni, spalle quadrate, addominali, senza vita marcata. Il che si aggiunge al fatto che non posso vestirmi come voglio, che non sono abbastanza femminile...

 

 

Mi parla del prezzo (4200€ senza contare le prime 2 visite, l'anestesista e il reggiseno postoperatorio), di quello che mi consiglia di fare come tipo di intervento chirurgico (doppio piano: la parte superiore della protesi sotto il muscolo pettorale (e insiste 5 volte che fa male...), e la parte inferiore direttamente dietro la ghiandola mammaria). Per il momento borbotta 350cc...

Passerà attraverso il contorno del foglio di alluminio. Nessuna correzione della ptosi da effettuare.

Sono uscita da lì sognando!!! Il dolore non mi spaventa affatto, pratico la sofrologia e sono generalmente abbastanza positivo, ho avuto due cesarei, cataclismi da latte... Ce la farò, ce la farò.

 

 

 

Dubbi

 

A forza di guardare i blog, i forum, a volte ho qualche dubbio: ne vale la pena? Mettere così tanti soldi? Sottoporsi a un intervento così pesante? Essere handicappati per diverse settimane (essere liberali, perdere lo stipendio, perdere il paziente...)? Per quanto riguarda i miei figli, come posso spiegare loro che per diversi giorni, o addirittura settimane, dovranno fare a meno di abbracciare la loro madre, che non potrò prenderli in braccio, o addirittura abbracciarli? Hanno solo 3 e 5 anni e sono molto esigenti, ho l'impressione di far fare anche a loro questa operazione...

 

Neanche il mio seno è il peggiore del mondo... Potrei farne a meno...

 

Ma sì, ho bisogno di questo intervento. Accettare me stesso, sentirmi bello, potermi vestire come voglio...

E il fatto di averne parlato intorno a me mi impedisce di tornare indietro. In realtà, l'ho tirato fuori apposta, quindi non posso annullarlo. Prendo appuntamenti in fretta e di proposito per stare nelle marce, vado avanti e tutto segue...

 

Odio essere al secondo appuntamento per renderlo ancora più reale.

È un po' come provare gli abiti da sposa, quando ci si allontana dalle date di prova: è ancora lei quella che voglio? Sto commettendo un errore? E poi stiriamo il vestito e wow! in realtà era quello! Penso che i dubbi che si possono avere con A.M. si dissipano quando si fanno le prove, e vedere cosa si sta per ottenere...

 

 

E stiamo scoprendo sempre di più...

 

 

E mentre si naviga su internet si apre un mondo totalmente sconosciuto: forte, moderato, debole proiezione. Doppio scatto, retrospettiva o no. 300cc, 350cc... protesi tonde o anatomiche...

 

Mi diverto a immaginare di cosa avrei bisogno, da quello che ho capito:

 

un 300-350cc, a proiezione moderata, di forma rotonda perché è il più usato, ma se non in relazione alla mia anatomia potrebbe offrire un po' di anatomia. Doppio piano, come previsto, e peri-areolare.

 

Accettiamo scommesse? ^^^

 

Leggo i blog, mi iscrivo a un forum. Così desiderosi di scambiare sull'argomento.

Sento di avere uno scopo nella vita. Un argomento di conversazione con mio marito, in una coppia alla deriva.

Passo le mie serate a guardare le foto di seni, mandandole a mio marito (è Natale per lui lol)...

 

Inviato da 90Anne alle 21:42 - Commenti [3] - Permalink [#]


E mentre va avanti...

Ieri sera ho avuto un incubo...

Il mio chirurgo stava delegando il mio intervento a un medico che non si curava di me, che era sgradevole, e mi chiedeva delle mini protesi... Sono uscito da lì due ore dopo l'intervento, con lo stesso torace...

Sono stato felice di svegliarmi stamattina!!!!!

 

Quindi per tutto il giorno mi ha dato fastidio... E se le protesi fossero troppo piccole? E se fossero troppo grandi? Come posso essere sicuro che non ci siano problemi?

Inoltre, sul famoso forum, posso vedere il conto alla rovescia dei giorni precedenti l'operazione! Il mio aumento del seno è tra 1 mese e 18 giorni! Aaaaaaaaaaaah!!!!! Riuscirò a gestire i pochi giorni con un tale dolore, un tale handicap e due bambini sovraeccitati? Riuscirò a sopportare il dolore (io che ero totalmente fiducioso nella mia capacità di gestirlo, comincio ad avere paura...)

 

Insomma, oggi è stata una giornata di "dubbi"! Più va avanti, più mi rendo conto, più penso a cose concrete... vai vai vai vai vai vai vai vai vai!!!!

Ma più va avanti, più vedo le possibilità: i bei vestiti, la biancheria intima... Sto dimagrendo e presto avrò un bel busto... Sto diventando una bella donna!!!!!! Ed è difficile essere una bella donna!

 

Inviato da 90Anne alle 21:43 - Commenti [0] - Permalink [#]

Mammografia

E così, ho fatto il mio mammo, e anche un'eco!

È importante sapere che questi esami prima di un aumento del seno non sono supportati! Lo trovo "normale" perché è un intervento di chirurgia estetica, ma immagino che sia a scopo diagnostico e per me tutti gli screening del cancro al seno dovrebbero essere gratuiti qualunque sia l'età...

 

Ho avuto una leggera apprensione per questo esame perché mia madre (piatta come me) l'aveva descritto come una tortura, uno schiacciamento della tetta... Insomma, ho immaginato il peggio! Beh, niente di niente! Zero dolore!

Allora sì, abbiamo il seno premuto tra due piastre, ma a parte un disagio dovuto alla posizione, zero dolore! Anche la manipolazione a raggi X è stata molto delicata. Il radiologo relativamente bello ... Beh, non mi hanno fatto il discorso... Immagino che una donna timida e modesta debba sentirsi molto a disagio di fronte a questa piccola comunicazione e spiegazione quando si è nudi e consegnati ad altre persone... Ma non sono stati spiacevoli, non è abbastanza...

 

Che aspetto ha questo dispositivo? Click! Una foto un po' discreta, durante i 5 minuti in cui sono rimasto solo, seminudo, nella stanza grande.
L'ecografia è meno sgradevole (non si sbaglia affatto con il seno pressato, ma si è ancora allegramente rannicchiata con 3 tonnellate di gel (yippee, l'avevano riscaldato)).
Mi dicono che tutto sta andando bene, e me ne vado con orgoglio con il mio piccolo sacchetto: FASE 1: incontro con il chirurgo: check! ETAPE 2 : effettuare gli esami necessari : in corso...

 



 

Così possiamo vedere tette molto piccole in un reggiseno troppo grande, come tutte, visto che non prendo la mia A, prendo la B imbottita... Ma se mi piego in avanti alla scollatura, o in costume da bagno, allora si vedono i seni minuscoli, appesi, persi in tutto quello spazio...

 

Ho un corpo molto quadrato, molto maschile, così nudo, il mio petto sembra più maschile che femminile...

 

Scattando queste foto, (ne ho scattate anche alcune nude, per fare un prima/dopo un giorno) i miei dubbi svaniscono: DEVO fare questa operazione. Mi vergogno quando vedo le foto, non voglio che mio marito le veda, non voglio continuare a mimetizzarmi il più possibile, per avere una piccola B in cui galleggio comunque...
30 ottobre 2016
sulla strada per un... 90 D ?

Con questa cosa dell'intervento, sto imparando molto... Il mondo dei seni è un mondo grande e complicato ^^^

Per esempio, la lettera non significa molto (beh, lo sapevo un po')... una D su un 85 non è affatto uguale a una D su un 100... Ebbene, per semplificare le cose, parleremo in un linguaggio semplificato perché parla a tutti: 90 D = una bella taglia di tette nel senso marsigliese del termine...

 

Così, quando mi misurerete, vedrete che sono più un 95 che un 90. Quindi un 95 A...

Io che ero andato su "90C" (quindi un bel petto, ma non necessariamente troppo grande), sono sempre più tentato da 90D... Di più, sarà troppo, credo. Cerco su internet le foto prima e dopo, le foto delle fidanzate operate... E la mia opinione si evolve...

Il rischio è che io sia troppo piccolo per un volume del genere, potrei giurare con le mie dimensioni ridotte. O troppo paffuta perché sono ben lontana dall'essere magra (sono una taglia 38 ma vedrete nelle foto del post precedente che le mie cosce non sono magre... né il resto del mio corpo... tranne il seno! lol) e potrebbe stringermi tra questo e la vita. Inoltre, il mio seno è molto alto, quindi penso che potrebbe sembrare molto "sbagliato" se metto troppo grasso.


Quindi un tale volume, su di me, potrebbe essere troppo... ?? Ma allora che bella cosa!!! E' voluttuoso, generoso, senza essere nemmeno troppo... Wahou!!!!!!

Naturalmente, sarò troppo felice se otterrò la stessa cosa della prima foto !!!!

sito internet :

Anna Di Sanzio








Flashback :
< >

Mercredi 5 Février 2020 - 12:47 Mastoplastica additiva moderna

Lundi 27 Janvier 2020 - 18:49 Otoplastica Roma

Dimanche 26 Janvier 2020 - 20:30 Medicina moderna

Infos Business | Italia